Massaggio terapeutico

massaggio terapeutico

Il massaggio terapeutico ha l’obiettivo di risanare organi malati per mezzo di manovre manuali eseguite sulle parti del corpo interessate. È uno dei metodi curativi più antichi; oggi è stato rivalutato per il trattamento di molte affezioni, e come pratica che favorisce la salute e il benessere generale.

CHE COS’È

Il massaggio consiste nell’esecuzione di apposite manovre con le mani, che vengono compiute dal terapista sulle parti del corpo interessate. Le manovre sono scelte e combinate dal terapista a seconda dell’obiettivo del massaggio, dell’affezione da trattare, delle condizioni del soggetto.

LE MANOVRE

Le manovre sono di vario tipo: pressioni, frizioni, sfioramenti, impastamenti, trazioni.

  • Pressioni: eseguite con le dita o con il palmo della mano, per comprimere fasce muscolari contratte o favorire il drenaggio di liquidi presenti in eccesso in determinati tessuti (edemi)
  • Frizioni: eseguite con la mano intera, sono rapidi sfregamenti che stimolano la circolazione superficiale nei tessuti interessati
  • Sfioramenti: eseguiti con i polpastrelli delle dita, stimolano le terminazioni nervose sensitive
  • Impastamenti: eseguiti con entrambe le mani, esercitando trazione e rotazione dei tessuti superficiali
  • Trazioni: sono allungamenti dei tessuti superficiali, eseguiti per stimolare la circolazione locale o per elasticizzare e decontratturare fasci muscolari
mani che massaggiano

GLI EFFETTI

Gli effetti del massaggio interessano il sistema osteo-articolare, muscolare, nervoso, circolatorio.

Il massaggio:

  • stimola la circolazione sanguigna, e quindi favorisce la nutrizione dei tessuti e l’eliminazione delle sostanze di rifiuto (in particolare di acido lattico, che può formarsi dopo sforzi particolarmente intensi e prolungati)
  • stimola la circolazione linfatica, favorendo il drenaggio dei liquidi in eccesso e la funzionalità del sistema immunitario (linfodrenaggio)
  • scioglie e rende più elastiche le masse muscolari, combatte contratture e spasmi (massaggio decontratturante)
  • favorisce il vigore muscolare e il ripristino dell’energia
  • stimola le terminazioni nervose, aumenta la soglia di sensibilità riducendo lo stimolo doloroso, stimola l’arco riflesso attenuando lo spasmo muscolare e il dolore
  • la stimolazione delle terminazioni nervose e delle fibre muscolari favorisce una sensazione di rilassamento psicologico, riduzione dello stress e benessere generale

CHE COSA CURA

  • traumi muscolari (contratture, stiramenti)
  • malattie muscolari (atrofie, torcicollo, lombaggine)
  • aderenze mio-fasciali
  • malattie articolari (distorsioni, artriti croniche)
  • malattie neurologiche (neuriti, paresi, paralisi)
  • aiuta il recupero delle funzioni di muscoli, articolazioni e scheletro dopo la cura di traumi o problemi ortopedici

CONTROINDICAZIONI

Il massaggio è controindicato in alcune situazioni:

  • traumi recenti (occorre attendere la riparazione del tessuto)
  • fragilità ossea, in particolare in bambini, anziani, soggetti con osteoporosi
  • malattie della pelle (dermatiti e dermatosi, sia pruginose sia infettive)
  • infiammazioni e febbri
  • malattie dei grandi vasi sanguigni (vene varicose, flebiti e tromboflebiti)
  • insufficienza cardiaca con edema agli arti inferiori
  • gravidanza e parto
  • tumori

COME SI SVOLGE

Nella prima seduta il terapista si informerà sulla vostra patologia e più in generale sul vostro stato di salute. Può essere utile fornire i referti di esami che riguardano la patologia da trattare e gli organi interessati. Il terapista esaminerà la parte del corpo interessata, potrà chiedervi di eseguire determinati movimenti o assumere certe posizioni, potrà eseguire palpazioni, compressioni, trazioni, ecc. Tutto questo serve per valutare in modo adeguato le condizioni del soggetto e per stabilire un trattamento personalizzato. Il trattamento a volte può iniziare subito, ma di solito si programma un ciclo di sedute da svolgere periodicamente fino a guarigione.

La seduta è di durata variabile, a seconda dei trattamenti da eseguire e della risposta del soggetto. Inizialmente il trattamento potrebbe provocare disturbi come dolore, irritazione, difficoltà di movimento, ecc.: si tratta di solito di problemi temporanei che si esauriscono con il progresso della terapia. Può essere prescritta una visita di controllo da tenere dopo un certo periodo, o un trattamento di mantenimento.

Prenota